segui E-Toscana.com su facebook        


teatro
imprese toscane
 
 
 
 
Dimore storiche
Immobiliari
Edilizia
Link
Mercatini
Noleggio
Professionisti
Rifugi
Teatri
Arte e artisti
Castelli

Città d'arte
Cronaca del 900
Cucina
Feste e sagre
Incontri
Letteratura
Librerie
Manifestazioni
Menhir
Mostre
Musei
Musica
Personaggi
Report
Teatri
Carabinieri
Emergenza
Farmacie
Medici
Ospedali
Polizia
Vigili Fuoco
Fiumi
Mare
Monti
Parchi
Terme
 
 
 
 
 
 
 
 
     
 
Arezzo, un po' di storia
 
         
3
La Guida di Arezzo
 
 
Home Page
Un po' di storia
Cosa vedere
I musei
I personaggi
Dove mangiare
Dove dormire
Manifestazioni
I dintorni
  Arezzo  

Arezzo, un po' di storia

duomo di Arezzo

Foto sopra: la Chimera, scultura in bronzo, oggi conservata presso il Museo Archeologico Nazionale di Firenze

Arezzo, un po' di storia
di Maurizio Bardi

La città etrusca
In origine, circa nel 400-300 A.C., sulla parte più alta del colle, sorgeva la Arezzo etrusca, molto probabilmente sede di una delle 12 lucumonie, termine etrusco che indica le città-stato, che componevono la conferazione di questa antica civiltà.
Risolgono a questa epoca opere d'arte di eccezionale valore, come la Chimera, scultura in bronzo, oggi conservata presso il Museo Archeologico Nazionale di Firenze, uno degli esempi più conosciuti di arte etrusca. La Chimera nei secoli ha caratterizzato Arezzo e quasi ne è diventato un secondo simbolo della città.

La città romana
Quando Roma crebbe la sua influenza sull'Italia centrale, Arezzo, insieme alle altre città etrusche, cercò di limitarne l'espansionismo, ma l'esercito etrusco fu sconfitto nel 295 a.C. a Roselle, vicino Grosseto.
Divenuta città romana, Arezzo conobbe floridità e ricchezza ed offrì a Roma, secondo Tito Livio, un importante aiuto in armi, denaro ed equipaggiamento per le navi da guerra che si apprestavano a combattere i cartaginesi nella battaglia di Zama nel 202 a.C.
Nella guerra civile tra Mario e Silla Arezzo, come le altre città etrusche, stette con Mario subendo poi la vendetta di Silla, il quale, dopo avere sconfitto il rivale, lasciò la città in balia dei saccheggi dei suoi pretoriani.

Nel primo secolo A.C. Arezzo divenne un centro famoso nel mondo antico per la lavorazione e produzione di vasi d'argento e d'oro, tazze, boccali o semplici piatti. A quel tempo esistevano in città circa cinquanta fabbriche con decine di operai ciascuna. Fu il Cristianesimo a mandare in decadenza ed in oblio quest'arte, giudicata troppa pagana nelle sue rappresentazioni.
Nella tarda epoca romana Arezzo, situata sulla grande via di transito tra nord e sud, fu campo di battaglia fra le orde barbariche e l'esercito romano che aveva il compito di impedirne il passaggio. Fu così più volte distrutta e saccheggiata dai Longobardi, poi dai Franchi.


Arezzo nel Medioevo
Nella storia di Arezzo le vicende dei vescovi conte hanno un significato particolare, in quanto gli aretini medioevali identificarono sempre i confini amministrativi del loro territorio con la circoscrizione religiosa della diocesi. Conseguentemente l'autorità dei vescovi acquisì prestigio e si assunse il compito di difendere l'amministrazione laica dello stato, anche nei confronti dei barbari invasori.
Intorno al Mille in Arezzo cominciarono a contare le organizzioni democratiche ed artigiane, che diedero vita al libero Comune. L'agricoltura però rimase sotto il controllo dei feudatari e soprattutto del vescovi-conti, i quali possedevano quasi tutte le terre.
Nel frattempo Firenze si stava muovendo per allargare la sua influenza politica e acquisire nuovi mercati e nel 1287 con l'aiuto dei senesi assediò Arezzo, senza riuscire ad espugnarla
. Riuscì però a sconfiggerla nel 1289, nella battaglia di Campaldino, quando tutti i governi guelfi della Toscana si coalizzarono contro Arezzo e gli altri Comuni ghibellini.
Nel periodo successivo, dal 1300 alla morte del vescovo-conte Guido Tarlati (1327), anche se segnata militarmente da eventi burascosi, Arezzo raggiunse una grandiosità culturale ed economica mai perseguita nè prima nè dopo: in città furono accolti i migliori artisti dell'epoca per progettare, costruire ed affrescare chiese e palazzi. Nella sua rinomata università si laurearono famosi teologi e giuristi. Poi, dopo la morte di Guido Tarlati iniziò la decadenza che la portò in breve tempo nelle mani Firenze.

Arezzo dal Rinascimento al 1800
Con l'affermarsi della Signoria medicea gli aretini accettarono definitivamente di far parte del Ducato di Toscana (poi Granducato), che portò in tutta la regione un lungo periodo di tranquillità e di pace, disturbato solo nel 1799 dall'invasione delle truppe francesi di Napoleone.
Nel 1815, con il Congresso di Vienna, il territorio di Arezzo tornò a far parte del Granducato di Toscana, finché nel 1861, in seguito ad un plebiscito, divenne una provincia del Regno d'Italia.



 
 
 
 
 
 
 
   
 

Arezzo
Lucca
Firenze
Pisa
Pistoia
Siena

Volterra

Chianti
Garfagnana

Versilia
Lunigiana
Maremma
 
guide della toscana
 
 
     
 
LINK
www.lunigiana.net
Il Portale per scoprire la Lunigiana, terriritorio tra Toscana e Liguria che custodisce ancora i segreti di molte testimonianze medioevali e degli antichi menhir. Gli agriturismi, gli alberghi e i Bed and reakfast dove alloggiare, i ristoranti dove mangiare, le spiagge dove andare al mare

www.e-praga.com
La Guida per conoscere Praga, i suoi alberghi, i suoi ristoranti, la sua cultura e la sua anima. Dove dormire e dove mangiare. I segreti di Praga, una delle capitali dell'est più affascinanti e più desiderose di farsi scoprire
www.e-cinqueterre.com
La Guida per scoprire le Cinque Terre, Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola, Riomaggiore. I santuari, i sentieri, gli alberghi e gli agriturismi dove alloggiare, i ristoranti dove mangiare, le spiagge dove andare al mare
www.lericieportovenere.com
La Guida per scoprire il Golfo dei Poeti, la terra amata da Bayron e da Shelley. Gli alberghi e i Bed and reakfast dove alloggiare, i ristoranti dove mangiare, le spiagge dove andare al mare
www.bardireport.com
Approfondimenti, riflessioni, notizie, storie sucorruzione e corruttori. E sui perchè. Blog fondato da Maurizio Bardi
 
© Copyright 2000-2009 E-Toscana.com
I testi pubblicati in questa pagina sono di Maurizio Bardi.
E' vietata la riproduzione dei testi e delle foto pubblicati sul portale E-Toscana.com
senza espressa autorizzazione scritta
info@e-toscana.com

Copyright 1999-2012 E-Toscana.com
E' vietata la riproduzione dei testi e delle foto
pubblicati sul portale E-Toscana.com
senza autorizzazione scritta
Per informazioni:
info@e-toscana.com