imprese toscane
 
 
   
 
 
   
 
Agenzie immobiliari
Dimore storiche
Edilizia
Link
Mercatini
Professionisti
Rifugi
Teatri
 
 
   
 
Castelli
Città d'arte
Cronaca del 900
Cucina
Feste e sagre
Incontri
Letteratura
Librerie
Manifestazioni
Menhir
Mostre
Musei
Musica
Personaggi
Report
Teatri
Carabinieri
Emergenza
Farmacie
Medici
Ospedali
Polizia
Vigili Fuoco
Fiumi
Mare
Monti
Parchi
Terme
 
 

 
     
 
Dimore storiche
 
 
 
 
 

Castel dell'Aquila
Dimora storica

LA STORIA
Il Castello dell’Aquila domina dall’alto di un colle il borgo medievale di Gragnola, nel territorio di Fivizzano, in provincia di Massa Carrara (Lunigiana, Toscana, Italia).
Le origini dell’insediamento fortificato sul colle sono da correlare al controllo sui transiti medievali che dal centro Europa raggiungevano Roma, incrociandosi in corrispondenza del nodo viario di Gragnola. Secondo alcuni storici Gragnola sarebbe Forum Clodi, località riportata nel più antico “atlante stradale europeo” che la storia ricordi, noto come Tabula Peutingeriana e risalente ai primi secoli dell’alto medioevo.
Ricerche e pubblicazioni testimoniano che nel 1366 nasce, per distaccamento da Fosdinovo, il feudo indipendente che trae il proprio nome da Castel dell’Aquila. Due sono le dinastie di marchesi che prendono il nome proprio da Castel dell’Aquila, entrambe provenienti dal ramo dei Malaspina di Fosdinovo: la prima ha origine da Galeotto di Fosdinovo (1352-1367) al quale succede il figlio Leonardo I (1393-1403). Questa dinastia si estingue nella prima metà del secolo XV. La seconda ha origine con Lazzaro, figlio di Antonio Alberico marchese di Fosdinovo, la cui discendenza si estingue nella prima metà del secolo XVII.
Ora il Castello dell’Aquila, dopo l’abbandono in cui ha versato per tutto il Novecento, è stato completamente restaurato e reso agli antichi splendori per volontà dell’attuale proprietaria. Durante i lavori di restauro, il 19 febbraio 2004, è venuto alla luce un sepolcro contenente lo scheletro integro di un Cavaliere del Milletrecento, ucciso da un colpo di balestra alla gola. La scoperta ha interessato tutto il mondo scientifico ed è stata oggetto di studio. I resoconti sono pubblicati nei siti internet di numerose Università e Istituti di Antropologia e Medicina Legale.

SOGGIORNARE AL CASTELLO
Il Castello dell’Aquila offre ospitalità a chi vuole trascorrere un week-end o una vacanza provando l’emozione di soggiornare e pernottare in un’antica dimora storica edificata nell’agro lunigianese.
Nell’imponente torrione che si erge a 30 metri dal suolo, chiamato anche Grande Mastio o Dongione, sono state ricavate nove ampie stanze per un totale di 24 posti letto, rispettando scrupolosamente le indicazioni di storici e studiosi della tradizione architettonico-ingegneristica, per quanto concerne i materiali da costruzione impiegati (prevalentemente macigno a vista per i muri e legno di rovere e castagno per scale, solai e pavimenti).
Oltre le stanze del Torrione gli ospiti possono a richiesta usufruire, durante la loro permanenza, di due ampi saloni e di tre sale per  le loro attività.
Il restauro ha consentito il recupero anche dell’antica Cappella del Crocifisso, ridata al culto cattolico con la riconsacrazione vescovile del 18 giugno 2005.
La Cappella del Crocifisso si presta per il raccoglimento in preghiera, la riflessione spirituale individuale e la partecipazione alle funzioni religiose, quando officiate dal parroco della locale Parrocchia di Gragnola.

LE CERIMONIE
La grande versatilità del Castello consente lo svolgimento di convegni, sontuose cerimonie conviviali, manifestazioni celebrative e commemorative.
Conventions, cene aziendali, banchetti di nozze, ricorrenze, riunioni di lavoro con lunch danno agli ospiti la suggestione di momenti indimenticabili, trascorsi dentro una ambientazione unica, in cortili spalancati verso il cielo o su terrazze panoramiche, oppure nel chiuso e raccolto calore di mura antiche.
La ristorazione è affidata ai grandi cuochi e sommeliers di primarie società di catering. Il servizio è svolto da personale qualificato, il monitoraggio di ogni fase della cerimonia è curato dallo staff del Castello allo scopo di garantire agli ospiti, oltre al comfort e alla gioia dei sapori propri dell’arte culinaria, anche la più serena tranquillità e il più armonioso soggiorno.
L’intrattenimento, organizzato su richiesta, si apre a tutte le discipline: dall’happening culturale all’ascolto della musica classica e lirica, dal ballo alla musica easy listening, dalle letture poetiche alle rivisitazioni di tornei medievali in costume.

Informazioni generali

Castello dell'Aquila
Indirizzo: 54020 Gragnola (Ms), Toscana, Italia, EU
Telefono e fax: ++39 0585 99157 - 0585 998041
Cellulari: 335 6628357 - 389 1643958
E-Mail:
info@castellodellaquila.it
web: www.castellodellaquila.it
Camere:
9 camere matrimoniali , ognuna con bagno, molto ampie. Per prenotare vai alla pagina delle tariffe




 

 

 

Arezzo
Lucca
Firenze
Pisa
Pistoia
Siena

Volterra

Chianti
Garfagnana

Versilia
Lunigiana
Maremma
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
LINK

www.lunigiana.net
Il Portale per scoprire la Lunigiana, terriritorio tra Toscana e Liguria che custodisce ancora i segreti di molte testimonianze medioevali e degli antichi menhir. Gli agriturismi, gli alberghi e i Bed and reakfast dove alloggiare, i ristoranti dove mangiare, le spiagge dove andare al mare

www.maredisogno.com
Il mare, le spiagge, gli alberghi, i villaggi più affascinanti del Mar Mediterraneo. Dove dormire, dove mangiare, dove alloggiare per una vancanza da sogno
www.e-praga.com
La Guida per conoscere Praga, i suoi alberghi, i suoi ristoranti, la sua cultura e la sua anima. Dove dormire e dove mangiare. I segreti di Praga, una delle capitali dell'est più affascinanti e più desiderose di farsi scoprire
www.lericieportovenere.com
La Guida per scoprire il Golfo dei Poeti, la terra amata da Bayron e da Shelley. Gli alberghi e i Bed and reakfast dove alloggiare, i ristoranti dove mangiare, le spiagge dove andare al mare
 

© Copyright 2000-2010 E-Toscana.com
E' vietata la riproduzione dei testi e delle foto
pubblicati sul portale E-Toscana.com
senza espressa autorizzazione scritta
Per informazioni:
info@e-toscana.com
 
 
Contatore visite gratuito