segui E-Toscana.com su facebook        


teatro
imprese toscane
 
 
 
 
Dimore storiche
Immobiliari
Edilizia
Link
Mercatini
Noleggio
Professionisti
Rifugi
Teatri
Arte e artisti
Castelli

Città d'arte
Cronaca del 900
Cucina
Feste e sagre
Incontri
Letteratura
Librerie
Manifestazioni
Menhir
Mostre
Musei
Musica
Personaggi
Report
Teatri
Carabinieri
Emergenza
Farmacie
Medici
Ospedali
Polizia
Vigili Fuoco
Fiumi
Mare
Monti
Parchi
Terme
 
 
 
 
 
 
 
 
     
 
città d'arte in toscana
La guida di Lucca
Lucca, Chiesa di San Frediano
 
         
La Guida di Lucca
 
Home Page
Un po' di storia
Per conoscere Lucca
I musei
I personaggi
La cucina
I prodotti tipici
A tavola
Per dormire
Manifestazioni
I dintorni
 
 
Per conoscere Lucca
 

Le Mura
Antica porta S. Donato
San Paolino
Palazzo Mansi
Palazzo Orsetti
Santa Maria Corte Orlandini
Sant'Agostino
Palazzo Pfanner
San Frediano
Anfiteatro
San Giovanni
Palazzo Micheletti
Il Duomo
Museo della Cattedrale
Via degli Antiquari
San Giusto
San Michele
Palazzo Pretorio
Casa Puccini
San Salvatore
Palazzo Ducale
San Romano
Sant'Alessandro
Via Fillungo
San Cristoforo
Chiasso Barletti
Torre delle Ore
Antico Caffè di Simo
Archivio di Stato
Torre Guinigi
Palazzo Guinigi
San Pietro Somaldi
San Francesco
Villa Guinigi
Via dei Fossi
Villa Bottini
Fondazione Ragghianti
Orto Botanico
Porta S. Gervasio
Santa Maria Forisportam
Santa Maria della Rosa
Palazzo Mazzarosa
Palazzo Bernardini
Santa Maria dei Servi

         
Lucca, Chiesa di San Frediano
Chiesa di san Frediano

Lucca, Chiesa di San Frediano

Oltrepassato anche l'attiguo palazzo Lucchesini, sede del liceo classico "Machiavelli" e del Museo civico di storia naturale, si svolta quindi a sinistra e si arriva alla chiesa di San Frediano. Secondo la tradizione, fu lo stesso vescovo di Lucca Frediano a fondare la chiesa nel VI secolo, dedicando la "Basilica langobardorum" a S. Vincenzo. Dall'VIII secolo i resti del santo patrono di Lucca furono sepolti nella cripta e cambiò così la denominazione. L'edificio di S. Frediano sorgeva al di fuori della cerchia muraria, nei pressi della porta nord ed era orientato, come è consuetudine, con la facciata verso occidente. Ma intorno al 1112 la chiesa venne completamente rifatta e ampliata. La zona nord della città aveva intanto assunto un'importanza maggiore per i traffici e la chiesa venne così "girata" di 180 gradi, per far aprire la facciata verso oriente. Nel Duecento l'edificio venne poi rialzato di oltre 3 metri e 30 centimetri e fu inserito il grande mosaico bizantineggiante, ma rimaneggiamenti e modifiche proseguirono fino al Cinquecento. Il paramento della torre campanaria è stato invece rifatto nell'Ottocento.
All'interno si ammirano due suggestivi colonnati composti da dodici archi uguali, mentre vanno segnalate anche le cappelle laterali, inglobate nel corpo della chiesa principale nelle varie trasformazioni dal Duecento al Cinquecento. Di assoluto rilievo, sulla destra, è il fonte battesimale romanico a forma di vasca circolare, risalente alla metà del XII secolo.
Pregevole la decorazione scultorea di tre artisti diversi: storie di Mosè e passaggio del Mar Rosso (sul rivestimento esterno), Buon pastore e sei profeti (sulle altre lastre della vasca), gli Apostoli (coppa centrale) e i mascheroni da cui sgorgava l'acqua. Nella adiacente cappella si conservano i resti di Santa Zita (vedi) morta nel 1278. In fondo alla navata destra si accede ai locali dell'Opera, dove si trovano dipinti e arredi sacri interessanti.
Da notare il dossale dell'altare della Cappella Trenta, realizzato ai primi del Quattrocento da Jacopo della Quercia. Dello stesso autore anche le figure dei defunti Lorenzo Trenta e consorte, scolpite in due tombe terragne nel 1416.
Nella navata sinistra si incontra poi la Cappella di S. Agostino, affrescata nel 1508 da Amico Aspertini: splendidi il "Miracolo di San Frediano" (a destra) e la "Traslazione del Volto Santo" (a sinistra). Sempre di Aspertini è l'affresco a destra del portale maggiore, con una Madonna, quattro santi e un angelo che suona il liuto. Sulla sinistra, "Visitazione", affresco attribuito al "Maestro del Tondo Lathrop".

 
 
 
 
 
 
 
 
 
   
 

Arezzo
Lucca
Firenze
Pisa
Pistoia
Siena

Volterra

Chianti
Garfagnana

Versilia
Lunigiana
Maremma
 
guide della toscana
 
 
     
 
LINK
www.lunigiana.net
Il Portale per scoprire la Lunigiana, terriritorio tra Toscana e Liguria che custodisce ancora i segreti di molte testimonianze medioevali e degli antichi menhir. Gli agriturismi, gli alberghi e i Bed and reakfast dove alloggiare, i ristoranti dove mangiare, le spiagge dove andare al mare

www.e-praga.com
La Guida per conoscere Praga, i suoi alberghi, i suoi ristoranti, la sua cultura e la sua anima. Dove dormire e dove mangiare. I segreti di Praga, una delle capitali dell'est più affascinanti e più desiderose di farsi scoprire
www.e-cinqueterre.com
La Guida per scoprire le Cinque Terre, Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola, Riomaggiore. I santuari, i sentieri, gli alberghi e gli agriturismi dove alloggiare, i ristoranti dove mangiare, le spiagge dove andare al mare
www.lericieportovenere.com
La Guida per scoprire il Golfo dei Poeti, la terra amata da Bayron e da Shelley. Gli alberghi e i Bed and reakfast dove alloggiare, i ristoranti dove mangiare, le spiagge dove andare al mare
www.bardireport.com
Approfondimenti, riflessioni, notizie, storie sucorruzione e corruttori. E sui perchè. Blog fondato da Maurizio Bardi
 
© Copyright 2000-2009 E-Toscana.com
I testi pubblicati in questa pagina sono di Maurizio Bardi.
E' vietata la riproduzione dei testi e delle foto pubblicati sul portale E-Toscana.com
senza espressa autorizzazione scritta
info@e-toscana.com

Copyright 1999-2012 E-Toscana.com
E' vietata la riproduzione dei testi e delle foto
pubblicati sul portale E-Toscana.com
senza autorizzazione scritta
Per informazioni:
info@e-toscana.com